fbpx

È ora di cambiare le corde?

Ehi Basswalker!

 

            Un noto marchio di corde, qualche anno fa, aveva uno spot pubblicitario che recitava: “un buon suono inizia con una buona corda”.

            Niente di più vero, verrebbe da dire; il problema è che le corde “buone” per il basso hanno un costo non indifferente, giusto?

Quindi, quando potrebbe essere giusto sostituirle? E in base a che cosa lo decidiamo?

 

 

 

 

            Le corde, come ogni aspetto che riguarda il basso e forse anche la musica in generale, sono qualcosa di estremamente soggettivo; non c’è una cosa da fare giusta o sbagliata in senso assoluto, e questo deve essere chiaro. Ma ci sono delle regole che sarebbe buona norma seguire.

            Andiamo con ordine: La corda nuova ruvida (le classiche “Roundwound”, per intenderci) è una corda che tende a deteriorarsi col passare del tempo; i principali fattori possono essere il sudore, e in generale il contatto con la pelle, la quantità di tempo in cui vengono usate e c’è chi sostiene che anche alcuni agenti esterni possano incidere (come, ad esempio, repentino cambio caldo/freddo). Questo deterioramento si trasforma, nel concreto, in una perdita di frequenze, principalmente acute, che modificano il suono del nostro strumento, facendolo diventare, alla lunga, più “scuro”.

 

            Le corde lisce (flatwound), invece risentono molto meno di questo problema, e, per quanto anche loro abbiano naturalmente una tendenza a deteriorarsi, partendo già per natura con meno frequenze acute, non enfatizzano allo stesso modo il problema.

 

            Ora, anche parlare di “problema” non è esattamente corretto, nel senso che più frequenze acute significa naturalmente più “sferragliamento” nel suono, il che è molto indicato se suoniamo certi generi vicini al metal, ad esempio, o con un plettro, o ancora in slap. Ma, se dobbiamo suonare blues, magari, non è proprio il suono perfetto…

 

            Questo per dire che, prima di decidere se cambiare o meno corde e con quale frequenza, valuta l’uso che ne devi fare! Conosco musicisti rock e metal, che prima di ogni singolo concerto o sessione in studio cambiano le corde, praticamente una muta di corde al giorno. È un investimento notevole, ma se questo è il tuo mestiere e questo è il tuo suono, non puoi fare diversamente… ma attenzione a non confondere le cose: pare che James Jamerson non abbia mai cambiato le corde al suo fido Precision, e non mi pare che qualcuno avesse qualcosa da ridire, visto che studiamo i suoi giri di basso ancora oggi…

 

            Il senso del discorso è: la corda nuova ruvida rilascia frequenze alte; ti servono, per suonare il tuo genere preferito? Se sì, cambia le corde più spesso che puoi; se no, lascia “maturare” le corde; tienile più che puoi e fregatene delle corde nuove. Il discorso vale ancora di più se parliamo di corde lisce, ovviamente. Attenzione: anche la corda liscia, da nuova suona brillante, però, per certi versi, dà il suo meglio quando invecchia.

 

Queste ovviamente sono alcune linee guida, ogni caso è a sé, quindi valuta attentamente la tua situazione, prima di decidere cosa fare!

 

Mentre pensi alle corde, puoi valutare di studiare con i miei video corsi…Li trovi QUI:

 

 

Di |2024-01-10T23:29:10+01:00Gennaio 11th, 2024|basso elettrico, Blog, Esercizi per basso, teoria musicale|Commenti disabilitati su È ora di cambiare le corde?

Dal basso al contrabbasso: Scelta semplice?

 

 

 

Ehi Basswalkers!

 

Eccoci per la prima mail del 2024; innanzitutto ti auguro un felice 2024, che sia pieno di gioia e soddisfazioni, soprattutto bassistiche.

 

E per iniziare ho scelto di sollevare una questione che spesso mi viene proposta da allievi e conoscenti, ovvero: suonando il basso elettrico, si avvantaggiati nell’iniziare a suonare anche il contrabbasso? Quali somiglianze e quali differenze ci sono tra i due strumenti? E soprattutto: queste differenze sono insormontabili?

 

 

Bene, andiamo con ordine.

Partiamo dal presupposto che per quanto simili, sono due strumenti distinti, che hanno bisogno di un approccio diverso; basti pensare alla loro nascita ed alla storia: il nostro basso è relativamente giovane, con i suoi circa ottant’anni di storia, mentre il contrabbasso è uno strumento di natura classica, che ha le sue origini addirittura nel sedicesimo secolo.

Può sembrare un dato insignificante, ma fa tutta la differenza: il basso è uno strumento elettrico (e quindi più facile da far sentire), deriva dalla chitarra elettrica e quindi si suona tenendolo a tracolla (o seduti) e può essere suonato con un plettro.

Di contro il contrabbasso si suona generalmente in piedi e va sostenuto con la giusta postura, senza “aiuti” esterni; in più si dovrebbe studiare inizialmente con l’arco (anche se si decide poi di proseguire con il jazz).

 

Naturalmente ci sono delle cose in comune: le quattro corde sono intonate nello stesso modo, per quarte, dal mi basso al sol; e di entrambi esiste la versione a cinque corde che aggiunge un si basso sotto il mi. Anche il funzionamento, di conseguenza, è lo stesso: si procede di semitono sulla corda per trovare tutte le note (anche se nel caso del contra non abbiamo l’aiuto dei tasti, con buona pace dell’intonazione…)

 

Dire se si è avvantaggiati arrivando dal basso non è semplice; all’inizio potrà sembrarti uno strumento totalmente nuovo: lo studio dell’arco, dell’equilibrio, la mancanza dei tasti… sono tutte cose che ti faranno percepire delle differenze notevoli.

Ma se, con lo studio e la costanza, riuscirai a superare queste barriere iniziali, potrai sicuramente trovare dei benefici nel suonare già uno strumento: farai meno fatica ad imparare le note nelle diverse posizioni, ad esempio; o ancora non dovresti avere problemi nella lettura degli studi tecnici ((ammesso che tu sappia già leggere la chiave di basso..). E non ultimo, riportare sul contrabbasso alcuni brani che suoni sul basso elettrico può essere molto sfidante ma divertente al tempo stesso!

 

Quindi se hai intenzione di provare il mio consiglio è: fallo, assolutamente! Se non sei sicuro al 100%, potresti anche valutare un contrabbasso elettrico per iniziare: costi un po’ più contenuti e ingombro minore…Ma ti assicuro che se sei convinto di fare il passo, il contrabbasso ver dà molta più soddisfazione!

 

Nell’attesa di capire cosa farE con il contra, ti suggerisco come sempre di continuare a studiare il tuo caro basso elettrico, e magari potresti farlo con i miei video corsi,che, come sempre, trovi QUI!

 

BUON 2024!

 

 

Di |2024-01-10T23:36:50+01:00Gennaio 4th, 2024|basso elettrico, Blog, musica|Commenti disabilitati su Dal basso al contrabbasso: Scelta semplice?

QUANDO NON C’ERA YOUTUBE

 

 

 

Ehi Basswalkers!

 

Oggi voglio raccontarvi un po’ di come mi sono avvicinato al basso elettrico; sì lo so, probabilmente sarà un testo nostalgico tipico dei diversamente giovani come me, che quando si guardano indietro lo fanno un po’ come quelli che “ai miei tempi!” …

 

Alla fine, viviamo in un Paese e in un’era dominato dai luoghi comuni, “si stava meglio quando si stava peggio”, “non ci sono più le mezze stagioni”, e chi più ne ha, più ne metta; il senso è che, da una certa età in poi, quando si guarda al passato si vede solo il meglio; oggi fa tutto schifo, ieri era tutto bellissimo.

Peccato solo che, nella maggior parte dei casi, mentre lo vivevamo, quello “ieri”, lo odiavamo profondamente!

 

Allora, io ho iniziato a suonare il basso nell’estate del 1990; si, esatto, proprio nell’estate delle “Notti magiche” di Bennato, Nannini e Schillaci. Avevo formato la prima band dopo aver preso qualche lezione di chitarra, e come spesso accadeva, eravamo quattro chitarre e non c’era il bassista; per fortuna c’era almeno un basso, che uno di noi possedeva, e alla sua domanda “me lo reggi un attimo?”, risposi di si. Ecco, dopo 33 anni non l’ho ancora posato…

 

 

 

Lì possiamo dire sia iniziata la mia avventura bassistica; naturalmente suonavo in una band uno strumento che non avevo mai visto prima; quindi, ti lascio immaginare l’ansia da prestazione, ogni volta! Come risolverla?

Cercando di imparare quanto più possibile nel minor tempo possibile; e qui, i problemi: insegnanti di basso validi ce ne erano pochi e soprattutto, da totale inesperto, non sapevo neanche dove cercarli; il mio insegnante di chitarra si propose, ma mi accorsi subito che non era esattamente il suo mestiere, se non altro perché in una lezione di gruppo con cinque altri chitarristi, portare il basso non era la soluzione migliore per imparare…

 

Ci volle un anno e mezzo prima di scoprire che nel paese a fianco al mio c’era un gran bassista da cui finalmente riuscii ad andare a lezione, ma nel mentre, provai a studiare da solo: immaginate: niente internet, quindi zero tabs, zero negozi online in cui provare a cercare metodi o video (assolutamente vhs in ogni caso) e zero informazioni su negozi specializzati, trascrizioni di brani famosi…Niente di niente!

Ah, e naturalmente ai tempi il basso elettrico era bandito dai Conservatori e quelle poche scuole di musica pop-rock erano costosissime…

 

Quello che avevo erano un quaderno pentagrammato, uno stereo con cassette e vinili (anche il lettore cd l’avrei comprato più tardi).

 

E quindi?

 

Di certo in quel periodo ho sviluppato l’astuzia: qualche trucchetto e mi sono spaccato la mano con esercizi inventati da me (e quello mi sarebbe servito anni dopo, facendo l’insegnante); ma, di contro, ci ho messo molto più tempo di quanto ce ne avrei messo se fossi nato o avessi iniziato a suonare una quindicina di anni più tardi, almeno.

 

La morale?

 

Quello che voglio dire è che, se sei nella fascia di età in cui mi ritrovo io, dovresti renderti conto che se da un lato, per molti versi, può essere vero che “si stava meglio quando si stava peggio”, dall’altro lato non dovremmo sputare sempre contro le nuove tecnologie, i nuovi media e questo nuovo modo di vivere, ma anzi, dovremmo usarli a nostro favore.

 

Chi vuole iniziare a suonare il basso al giorno d’oggi o anche chi già suona ma vorrebbe migliorarsi e si arena sempre davanti al “non ho tempo”, dovrebbe capire quali sono i vantaggi di questa era: non hai tempo per andare da un insegnante a quattro chilometri da casa? O in una scuola? Benissimo: inizia seguire qualche lezione su YouTube (QUI trovi le mie, ad esempio), e se non ti basta, valuta un VIDEO CORSO! Lo segui da casa, smetti e riprendi quando vuoi, e ti costa meno…Giusto?

 

La tecnologia sotto questo punto di vista ci ha aiutato molto negli anni, approfittane!

 

O vuoi continuare a farti dare del boomer? 

 

 

Di |2023-07-20T12:20:23+02:00Luglio 20th, 2023|basso elettrico, Blog, teoria musicale|Commenti disabilitati su QUANDO NON C’ERA YOUTUBE

SI PUO’ DAVVERO MIGLIORARE CON LE LEZIONI ONLINE?

 

 

 

Ehi Basswalker!

 

            Se sei come me un boomer o quasi, hai vissuto quell’era in cui c’era solo un modo per affrontare lo studio della musica: trovarsi un buon maestro e prendere lezioni da lui.     L’alternativa era quella di diventare autodidatta, con tutti i pro e i contro, e, a volte, le polemiche tra le due categorie: “Jimi Hendrix non conosceva la musica” è una delle frasi più sentite e risentite negli anni, pronunciate da chi vuole giustificare il proprio autodidattismo…

 

Poi arrivò internet…

 

            All’inizio la rete era una formidabile fornitrice di tabs, magari qualcuno se le ricorda le prime, scritte con font improbabili, tali da faticare a decifrare anche cosa c’era scritto; però gli “anti-pentagramma” piuttosto che imparare a leggere preferivano questo tipo di studio, che, per di più, non dava mai un minimo di idea della ritmica ad esempio…

 

            Ci si limitava a scrivere numeri su queste quattro linee che dovevano rappresentare le corde e via, poi andava a fantasia di chi ci si cimentava. E di fantasia dovevi averne tanta, se consideri che gli autori di quelle tabs erano spesso ignoti, e altrettanto spesso molto poco esperti…

 

            Poi da lì il passo è stato breve, i programmi per scrivere le tabs sono migliorati tantissimo, sempre più utenti si sono cimentati nella stesura di trascrizioni, a volte anche persone competenti, poi è arrivato YouTube, e il resto è storia…

 

            La tecnologia negli anni è migliorata molto e di sicuro è passata in breve tempo da un mero sistema per “barare” ad un aiuto estremamente efficace; come in tutte le cose, però, bisognerebbe trovare una via di mezzo.

 

 

            Io credo che ancora oggi, nonostante tutto e nonostante tutti, non ci sia niente di meglio che scegliersi un insegnante col quale, per svariati motivi, sentiamo di andare d’accordo, e iniziare un percorso con lui/lei. L’insegnante migliore per te non lo è per qualcun altro, attenzione! Per quello suggerisco di provare e riprovare, con più di uno; e in questo senso, i social, il tubo le lezioni online, ci possono venire incontro: da un video (o più di uno) puoi capire se c’è della sintonia con un Maestro o con un altro, questo è innegabile!

Il problema dell’insegnante o, ancora di più della scuola di musica, è naturalmente quello economico.  È innegabile che i costi per una scuola di musica non sono sempre convenienti, ed è per questo motivo che sempre più persone si affidano all’insegnamento online; in realtà se si parla di lezioni via Skype o simili i costi non sempre sono più convenienti, e in più c’è il problema che se non le si gestisce bene dal punto di vista tecnico, si rischia di avere delle esperienze non gratificanti quanto si vorrebbe.

Ed è proprio in questa ottica che si inseriscono i video corsi.

Certo, potete dire che io sia di parte, se mi seguite sapete che è proprio quello che faccio sul mio sito, ma in realtà se ho iniziato a farli è proprio perché credo in questo modo di apprendere (lato studente) e di insegnare (lato maestro).

            Il video corso per chi magari vuole rimettersi dopo anni, o per chi ha iniziato da autodidatta ma ha capito che si fa troppa fatica senza una guida, è la soluzione ottimale. Certo, non lo è per chi vuole intraprendere una carriera da musicista o comunque sia alla ricerca di una preparazione accademica; ma come ho già avuto modo di dire più volte, per quello ci sono solo i Conservatori!

            In tutti gli altri casi, ti può aiutare. Ti aiuta se sei da solo e non hai risorse da investire in una scuola o in un Maestro (il video corso lo paghi una volta sola, al costo di neanche due lezioni, e ce l’hai sempre); ti aiuta se non hai la costanza, magari perché il lavoro ti porta via tempo ed energie e non riesci tutti giorni a metterti a suonare; in quel caso la lezione settimanale rischia di essere una spesa inutile, non vedresti miglioramenti e saresti costretto a frequentare per non perderci soldi. Il video corso ti aiuta anche perché hai comunque sempre l’assistenza da parte dell’autore, che ti risponde in info line ai dubbi, ti da consigli, suggerimenti e non ti lascia mai solo a te stesso.

 

            Io non so dirti se i video corsi saranno il futuro, ma di sicuro sono quella cosa che, nell’era di internet sempre e ovunque, mancava. Il giusto tassello tra delle lezioni con un Maestro vero e proprio, e la ricerca sconfusionata di soluzioni ai problemi su YouTube, tabs, tutorial, esercizi alla rinfusa…

            Ecco, il video corso sta in mezzo: lezioni in ordine progressivo, materiale in pdf, un maestro che comunque ti segue…Ma tutto senza muoverti da casa e seguendo quando vuoi tu, quando hai tempo e voglia.

 

Siamo nell’era del digitale, sappiamo tutti che sta cambiando un po’ tuto e anche le abitudini, qualcosa in meglio, qualcosa in peggio; ma bisogna prendere atto di queste nuove possibilità che ci sono e, quanto meno, sarebbe giusto valutarle.

 

Se vuoi valutare tu stesso da vicino, io ti posso consigliare i miei video corsi, li trovi qui:

 

davidemartini.com/video-corsi

 

Cosa ne pensi?

 

 

 

 

 

Di |2023-07-10T16:04:32+02:00Luglio 13th, 2023|basso elettrico, Blog, teoria musicale|Commenti disabilitati su SI PUO’ DAVVERO MIGLIORARE CON LE LEZIONI ONLINE?

Suonare il basso come Gene Simmons dei Kiss

 

Suonare come Gene Simmons: secondo te è possibile? E se si, ti piacerebbe farlo?

         Riprendiamo oggi il percorso intrapreso sul mio canale YouTube qualche mese fa, ricominciando a parlare di bassisti che hanno fatto la storia del rock.

E, Dopo aver parlato di alcuni dei più virtuosi dello strumento oggi voglio concentrarmi su una delle icone, dei personaggi più rappresentativi del rock stesso, a prescindere dal basso: parliamo naturalmente di “The demon”, “The God of thunder”, di Gene Simmons, storico basso (e voce) dei Kiss

 

 

 

         Non tutti amano, o vorrebbero suonare come Gene Simmons, per almeno 2 aspetti: uno il suo carattere, non proprio lineare, diciamo, e l’altro il suo modo di suonare il nostro strumento.

 

         Personalmente lo trovo uno dei bassisti più significativi nel rock’n roll, di certo non tecnico, ma come ho già avuto modo di dire in altri video, non sono un amante della tecnica a tutti i costi, il rock’n roll è e deve essere sanguigno, essenziale, ma incisivo, e suonare come Gene Simmons può essere tutte queste cose.

 

         Da un punto di vista puramente bassistico le sue caratteristiche principali sono naturalmente, l’uso esclusivo del plettro (lui stesso dice che non avrebbe mai il suo suono con le dita), e poi principalmente 3 elementi: scale pentatoniche, slides un po’ ovunque e ampio uso delle ottave.

 

         Per suonare come Gene Simmons il primo step è rappresentato dalle scale pentatoniche: pensate a linee come “Detroit Rock City” o “100.000 Years”, mentre per le ottave basti pensare alla celeberrima “I was made for lovin’ you”; gli slides sono un elemento spesso ricorrente tra i bassisti rock, ma lui li enfatizza in modo particolare, inserendoli non solo come collegamento tra parti diverse, ma un po’ ovunque.

 

         Un altro punto che devi considerare se vuoi suonare come Gene Simmons è sicuramente il timing; lui stesso dice di essere diventato una specie di metronomo per la band, soprattutto perché pare che il primo batterista, Peter Criss, non fosse così preciso.

 

         Se si vuole capire come ottenere il suono di Simmons, non si può prescindere da uno sguardo alla strumentazione che usa; di sicuro il primo elemento è l’iconico “Axe bass”, basso voluto da lui e fatto costruire un liutaio, che utilizza come strumento principale dal 1979; ha suonato anche altri strumenti, dai quali ha sempre cercato di fare uscire quel timbro che lo contraddistingue; tra vari, giusto citare lo Spectrum, un Thunderbird, un Precision, nei primissimi tempi.

 

Il tutto sempre o quasi in amplificatori Ampeg, di vario tipo.

 

         Se volessimo quindi tentare di imitare il suo sound, sarebbe giusto partire da questi elementi; in mancanza eventuale dell’Axe bass, io penserei a un P-bass o un Thunderbird, o anche ad un qualsiasi basso attivo, con un ottimo punch, per avvicinarmi; al plettro (curando bene il tocco), e a delle corde nuove.

 

Come ampli, se hai Ampeg meglio, ma come ho detto più volte, provando e riprovando possiamo avvicinarci anche con qualunque cosa abbiamo a disposizione…

 

         Dicevo del suo caratteraccio…Vorrei chiudere raccontandoti un paio di aneddoti: Sapevi che ha dichiarato che i Kiss sono la band rock che lavora più duramente, per via delle 2 ore di concerto con 18 kg di armatura addosso? E che i Rolling Stones non ce la farebbero mai?

 

Oppure sapevi che dice di essere stato lui a inventare il gesto delle corna, molto prima di Ronnie James Dio?

Anche questo è Gene Simmons…

Suonare il basso come Gene Simmons

 

 

    E  per oggi è tutto, non perderti il video su Gene Simmons in uscita lunedì sul mio canale YouTube!

Iscriviti al mio canale per rimanere sempre aggiornato sulle nuove uscite, clicca QUI

 

    E ti ricordo anche che questo mese uscirà il mio nuovo video corso, “Impara tutti gli stili Vol. 1”, sei pronto?

Se vuoi saperne di più o se ti sei perso i miei video corsi precedenti, CLICCA QUI!      

 

Di |2023-01-05T23:31:29+01:00Gennaio 5th, 2023|Blog|Commenti disabilitati su Suonare il basso come Gene Simmons dei Kiss

Le prove con la band: Quando son poche e quando troppe?

         Le prove con la band: se ci sei passato sai di che parlo, se al momento sei “band-free”, non preoccuparti, prima di quel che pensi ti 
troverai in questa situazione...

 

         In ogni caso oggi voglio parlarti del non sempre semplice rapporto con le prove: sala prove, i colleghi musicisti, la preparazione a casa…Forse hai già capito dove voglio andare a parare.

Le prove con la band: Quando farle?

    Io credo che i musicisti, di ogni estrazione e preparazione si dividano in 2 macro-categorie: quelli che amano fare le prove con la band e quelli che invece le odiano.

Tendenzialmente la prima categoria è composta da quelli che magari suonano da meno tempo o comunque che non hanno particolari mire “live”, e che quindi vivono la sala prove come un buon passatempo, sicuramente divertente, impegnativo il giusto e che può regalare soddisfazioni, specialmente quando si provano brani piuttosto complessi e dopo tanta fatica si sente che finalmente escono bene.

 

         La seconda categoria, di contro, è spesso composta da musicisti semi-professionisti o quasi, che credono che le prove con la band siano una perdita di tempo, un investimento troppo oneroso, e fremono per uscire live con un repertorio raffazzonato di brani standard preparati velocemente, perché tanto si sa,…”la gente non capisce la differenza”.

 

         Ti sei riconosciuto in una di queste categorie? Bene, io personalmente dico di me stesso che sono un po’ “ballerino” tra le due, dipende dal contesto.

Quindi in realtà non credo che la seconda categoria sia da demonizzare assolutamente, anzi, in certi casi è l’unica opzione; ma bisogna stare molto attenti a non esagerare e soprattutto fare molto auto-critica prima di decidere come comportarsi.

 

         Se non hai nessuna mira da professionista credo sia giusto prendere tutto il tempo necessario per un buon numero di prove, non pensare subito ad uscire live, ma solo a suonare bene, e soprattutto suonare tutto ciò che ti piace.

         L’unico compromesso dovrebbe essere tra i membri della band: oggi io accetto di suonare un brano proposto da te, domani sarà il contrario. Non preoccupatevi di creare un repertorio troppo di nicchia, tanto anche con i repertori “fuffa” al giorno d’oggi si fa fatica a suonare…

 

         Lasciate la fuffa a chi deve campare di musica e quindi ha bisogno un ingaggio in più per mangiare e pensate a divertirvi. Quindi: FATE LE PROVE CON LA BAND, perché vi sono utili per il morale, per l’autostima e per migliorare. E cazziate come si deve il vostro collega che arriva alle prove in impreparato e che magari si crede pure superiore a voi…

 

         Di contro, se suonate per avere un’entrata, non necessariamente primaria, ma cospicua, allora è chiaro che sale prove, benzina, strumentazione diventano un investimento, che poi andrà ammortizzato con le date.

         Quindi meglio farne il meno possibile per mirare a suonare più possibile, magari in quei pochi posti rimasti che danno ancora dei cachet generosi. Ma per fare ciò bisogna avere le capacità: se non vuoi fare una prova in più, sei costretto a studiare BENE a casa, registra ogni singola modifica fatta ad un brano in quell’unica prova fatta e a casa ascoltala e studiala, se no avrai buttato via del tempo e avrete fatto una figuraccia.

        “Ma tanto la gente non si accorge degli errori” …Si ma il tuo batterista magari sì, e la prossima volta chiama un altro al tuo posto perché è brutto avere a che fare con chi non è preparato su un brano degli 883, anche se a casa suona “Confirmation” a memoria in 5 tonalità diverse…

 

Bene, allora a questo punto buono studio! Intanto ti consiglio, come sempre un giro sul mio canale YouTube

 

E se non l’hai ancora fatto, puoi iniziare proprio dai miei video corsi, che trovi qui!

Ci vediamo dentro, buon week end!

Di |2022-12-01T15:09:16+01:00Dicembre 2nd, 2022|basso elettrico, Blog, musica|Commenti disabilitati su Le prove con la band: Quando son poche e quando troppe?

I Doors avevano il bassista?

I Doors avevano il bassista? Che è un pò come chiedere: C’e vita su Marte? Che fine hanno fatto i dinosauri?

Credo che chiunque sia appassionato di musica sappia che effettivamente i Doors sono conosciuti per non usare il basso dal vivo, per lo meno così si è sempre saputo.

Ma in studio le cose sono ben diverse: se consideriamo l’inizio della band prima addirittura che prendessero il nome The Doors, addirittura la band prevedeva 3 elementi in più rispetto a quelli conosciuti: i 2 fratelli di Manzareck e Patty Sullivan che, indovinate un pò, era proprio la bassista.

Purtroppo per lei fu allontanata dalla band prima che cambiasse il nome in The Doors, e prima che il produttore Paul Rothchild li portasse con sè in studio per la registrazione del primo disco.

In realtà, fu poi lo stesso produttore a non appoggiare l’idea degli elementi della band di rimanere così, senza basso. Infatti, mentre Manzareck spingeva per essere lui ad eseguire le parti basse con i suoi strumenti, Rothchild sosteneva che almeno in studio e, almeno su qualche traccia, un bassista vero ci dovesse essere. E così fu.

Chiamò Larry Knetchel ( turnista d’esperienza, che aveva già suonato con artisti del calibro di Beach Boys, Mamas & Papas ed Elvis ), che suonò 7 brani del disco, ma ( da qui l’equivoco ) senza mai essere creditato.

Quando, anni dopo, venne alla luce, il produttore si difese sostenendo che Knetchel si era limitato a doppiare delle parti eseguite da Manzareck e per questo non era degno di nota…

Siamo sempre nel ’67 ed i Doors entrano in studio per la registrazione del loro secondo album, “Strange days”. Questa volta Rothcild chiamoò un bassista ufficale, Doug Lubhan, che, a tutti gli effetti, fu l’unico ad essere mai definito il 5° Doors.

Lubhan all’epoca suonava con i Clear Light, band che stava incidendo il primo album sotto lo stesso produttore, quel Paul Rothchild che ad un certo punto gli chiese inizialmente se gli andava di suonare qualche brano di Strange Days, per poi concludere offrendogli di diventare membro fisso dei Doors stessi.

Lubhan non la prese per niente bene,  vide come un’offesa il fatto che il produttore della sua band gli proponesse di entrare in un’altra band proprio mentre ne stava curando il disco, e, di conseguenza declinò.

Ma rimase comunque in veste di turnista, registrando quasi tutti i brani di Strange days e la maggior parte di quelli di Waiting for the sun, terzo album, del ’69. In questo disco compaiono comunque altri 2 bassisti: Leroy Vinegar, un jazzista con alle spalle una discreta carriera anche come solista, registrò “Spanish caravan”; mentre Kerry Magness registrò “Unknown soldier”

Arrivò l’abum succssivo, Soft Parade, e la critica si divise. L’accusa principale fu quella di un cambio di direzione, di sound, con l’aggiunta di fiati e in generale parti orchestrali, che non erano esattamente in linea con quello che erano stati i Doors fino a quel momento.

Doug Lubhan suonò ancora in questo disco, ma in percentuale minore rispetto ad Harvey Brooks, che suonò quasi tutte le tracce dell’album.

Brooks, già turnista d’esperienza, divenne poi molto celebre qualche tempo dopo, quando suonò su “Bitches brew”, uno dei tanti capolavori di Miles Davis.

Per rifarsi, e mettere a tacere le critiche, il disco successivo fu un ritorno al vecchio stile, e, probabilmente, il più grande capolavoro della band californiana: “Morrison Hotel”, che conteneva, tra le altre la celeberrima “Roadhouse blues”. Per Morrison Hotel, Rothcild e compagni optano per Ray Neapolitan al basso, che verrà sostituito da Lonnie Mack solo per la registrazione della stessa Roadhouse blues.

Siamo orami alla fine della carriera dei Doors con Jim Morrison; il disco successivo, infatti, sarà l’ultimo registrato dal re Lucertola con la band, che dopo la sua dipartita registrò comunque ancora 3 dischi prima dello scioglimento.

L’ultimo disco di Morrison e soci è “L.A. Woman”, del ’71. Cambia innanzitutto la guida: Paul Rotchild, infatti, decide di non produrre l’album dopo aver sentito “Love her madly” ed averla ritenuta “troppo commerciale”; gli subentra comunque Bruce Botnick e viene chiamato a suonare il basso Jerry Schaff, già bassista di Elvis.

In conclusione, se guardiamo bene, di bassisti, nei dischi dei Doors, ne sono girati, e non pochi. Senza contare i turnisti chiamati a suonare sui dischi post-Morrison e quelli della reunion dei primi anni 2000.

Che dire…I Doors avevano il bassista?

No. Ne hanno avuti almeno 15…

Alla prossima!

 

Di |2018-09-13T16:51:54+02:00Settembre 11th, 2018|basso elettrico, blues, musica|Commenti disabilitati su I Doors avevano il bassista?

LEZIONI DI BASSO: 3 ESERCIZI INDISPENSABILI SULLE SCALE!

 

 

Chiunque si avvicini per la prima volta allo studio di uno strumento, come il basso, sa che presto o tardi gli toccherà studiare le scale.

Ma cosa sono le scale? A cosa servono? Quante sono? Come si studiano?

Beh, sono un pò troppe domande tutte insieme, effettivamente; andiamo con ordine.

Innanzitutto se volete approfondire la teoria che sta dietro alla “nascita” delle scale, al loro utilizzo e alle varie forme, l’unica cosa che potete fare è aprire un bel libro di teoria musicale e studiarvelo per benino.

La cosa che possiamo limitarci a fare qui è capire a cosa servono sul basso elettrico e come studiarle perché abbiano veramente una loro utilità.

E l’utilità ce l’hanno eccome, ve lo assicuro!

Come dico nel titolo, in questo video mi limito a presentarvi i 3 esercizi che non potete non conoscere ed eseguire, possibilmente con una certa costanza, sul basso. All’inizio serviranno principalmente per migliorare la vostra tecnica bassisistica, ma anche in seguito torneranno sempre utili, come esercizi di riscaldamento o come “palestra”, per continuare ad evolvere continuamente il vostro modo di suonare.

Non mi resta che presentarveli, in ordine: “quartine”, “terzine” e “salti di terza”.

Lascio al video il compito di entrare nei dettagli di ogni singolo esercizio, vi raccomando ancora di eseguirli con costanza e parsimonia, e, ovviamente, di affidarvi sempre ad un buon metronomo, per curare il “timing” ma anche, banalmente, per misurare la velocità di esecuzione ed utilizzarla come parametro per i vostri progressi.

Buono studio!!

LA CHIAVE DI BASSO

Di |2018-07-13T16:14:21+02:00Maggio 4th, 2018|basso elettrico, musica|Commenti disabilitati su LEZIONI DI BASSO: 3 ESERCIZI INDISPENSABILI SULLE SCALE!

Titolo

Torna in cima